Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

fotografiahotel

cose da fare e non fare per preparare al meglio il vostro hotel al servizio fotografico.

Consigli e suggerimenti per fotografi, proprietari e responsabili della comunicazione di Hotel, Motel, B&B e residence.

Nell’iper competitivo mondo dell’industria alberghiera un efficace strategia promozionale non può prescindere da una elevata qualità dei contenuti fotografici. Spesso sottovalutate, le fotografie rivestono oggi sempre più importanza in un mondo dove il web è divenuto la prima piattaforma di comunicazione e promozione di qualsiasi attività di business, grazie ad un buon servizio fotografico infatti, la struttura alberghiera riesce a catalizzare l’attenzione del potenziale cliente ed a valorizzare la qualità dei servizi offerti. Di seguito il vademecum per ottenere il massimo dalla realizzazione di un servizio fotografico per la vostra comunicazione sul web.

  1. BRIEFING: prima di procedere alla realizzazione del servizio fotografico è necessario programmare un briefing con le figure responsabili della comunicazione della struttura alberghiera. Grazie a questo incontro preparatorio, il fotografo è in grado di capirne le necessità, i punti forti e le peculiarità che meriteranno di essere enfatizzate e valorizzate.
  2. TEMPISTICHE: la scelta del momento della giornata in cui realizzare il servizio fotografico o parte di esso è di primaria importanza. Evitare quindi i momenti di maggiore afflusso (check-in/check-out), permette di usufruire di spazi più liberi, ordinati ed accoglienti. Ricordarsi di non programmare invasivi interventi di manutenzione nel giorno del servizio fotografico.
  3. CAMERE: rappresentano gli ambienti più visti e valutati in fase decisionale, richiedono pertanto particolari attenzioni, vediamone alcune:
    a. Letti: tra le più evidenti disattenzioni dello staff c’è la poca attenzione prestata al rifacimento dei letti, in particolar modo vanno evitate lenzuola e copri letti mal ripiegati.
    b. Illuminazione: il primo elemento che contribuisce a creare la voluta accogliente atmosfera è l’illuminazione della stanza. Non dimentichiamo mai di lasciare accesi tutti o almeno i più scenografici punti luce prima di fotografare le camere oltre a sostituire le lampadine bruciate!
    c. Scrittoi: uno scrittoio “vissuto” trasmette una piacevole sensazione famigliare ed offre una migliore percezione dell’atmosfera della stanza. Lasciare in vista brochure locali, set per dissetarsi o qualche oggetto di utilità pratica ci permette di trasmettere con una sola immagine molti messaggi relativi ai servizi offerti.
    d. Finestre: spesso il paesaggio offerto alla vista degli ospiti dalle finestre delle camere d’albergo non è dei migliori, ricordiamoci pertanto di tenere leggermente chiuse le tende frangisole, mentre teniamole rigorosamente aperte se il panorama rappresenta un plus della camera.
    e. TV: Meglio spenta, lasciarla accesa solo se si dispone di una grafica personalizzata da mostrare (logo hotel ecc)
    f. Bagno: tra gli ambienti più considerati in fase di prenotazione , al bagno va prestata una particolare attenzione. Non dimentichiamo mai il coperchio del wc aperto, il tappetino “steso” sulle pareti del box doccia, o peggio, sproporzionate scorte di rotoli di carta igienica. Se presente valorizziamo il welcome kit, eventuali accappatoi o asciugamani particolarmente curati, oltre a tutte le particolarità che distinguono i servizi offerti, dall’asciugacapelli, allo specchio per il trucco a particolari sanitari quali docce con cromoterapia (ricordarsi le luci accese), vasche idromassaggio, scalda-salviette e servizi di Entertainment.
  4. HALL: come già accennato in precedenza meglio evitare momenti della giornata di particolare affluenza, la presenza dello staff alla reception è senza dubbio consigliabile, ricordiamoci che le prime impressioni e sensazioni che offriamo alla clientela sono le più importanti in quanto ne determinano, in gran parte, l’atteggiamento  nel periodo di permanenza. Ricordiamoci inoltre di valorizzare eventuali angoli rilassanti o particolarmente accoglienti come salottini, dinette, zone di lettura o relax.
  5. SALA COLAZIONI: che sia inclusa nell’offerta economica o proposta in alternativa, la colazione è tra gli aspetti più considerati in fase di prenotazione. L’errore più frequentemente commesso è eccedere nell’offerta di cibi e bevande limitatamente al periodo di realizzazione del servizio fotografico del vostro Hotel o B&B, generando in questo modo aspettative poi puntualmente disattese. Se il buffet non è particolarmente ricco meglio soffermarsi su dettagli qualitativi e non quantitativi dei prodotti offerti. Tavoli sempre rigorosamente apparecchiatiti.
  6. BAR: dopo un intensa giornata di riunioni o chilometri percorsi in visita alla città, il bar è tra gli ambienti più frequentati per un momento di svago o relax. Il fotografo dovrà realizzare immagini in grado di trasmettere queste sensazioni, offrendo ai potenziali clienti la percezione più realistica dell’atmosfera conviviale ma rilassata che il lounge bar è in grado di offrire; questo uno tra i pochi ambiti dove è consigliabile la presenza nelle fotografie, di alcuni ospiti.
  7. RISTORANTE: se presente è tra gli ambienti più difficili da valorizzare a causa del consolidato luogo comune che vuole il ristorante dell´hotel, spesso non raccomandabile. Ogni sforzo va quindi profuso dal fotografo e dallo staff dell’hotel per la promozione e valorizzazione della sala ristorante valutando, p.e. diversi settings (pranzo, cena, cerimonia e business) a seconda delle necessita promozionali della struttura. La possibilità di fotografare pietanze va valutata con estrema attenzione, personalmente scoraggio spesso questa opzione mentre la suggerisco per la comunicazione spot sulle piattaforme social.
  8. AMBIENTE: il contesto nel quale è posizionata la struttura riveste un importante ruolo nella valorizzazione della stessa, va pertanto presa in considerazione la possibilità di arricchire il servizio fotografico del vostro Hotel con scatti nei dintorni, di tipo paesaggistico o culturale.
  9. EXTRA: la valorizzazione di una struttura alberghiera passa anche attraverso la diffusione di immagini relative a quei servizi meno visibili ma essenziali che contribuiscono all’efficienza della struttura; una bella immagine dello staff addetto alle pulizie per esempio, come pure lo staff delle cucine, eventuali impianti tecnologici o energetici presenti, garage e parcheggi, locali specifici per attrezzature sportive, sistemi ed impianti di sicurezza; non dimentichiamoci di mettere ben in vista tutto il parco automezzi disponibile, navette, mini van ecc.
  10. In ultimo, ma solo in questo nutrito elenco, un accorto responsabile per la comunicazione di una struttura alberghiera non può prescindere dalla realizzazione di un tour virtuale specifico per hotel e B&B, unico strumento capace di offrire un esperienza veramente realistica ed emozionale al potenziale cliente in fase di ricerca e valutazione della destinazione. Utilizzando la stessa tecnologia di Street View, il servizio consta nel realizzare un Tour Virtuale all’interno della Vs struttura che viene poi integrato nelle vostre schede My Business in Google Map,  Google+ e collegato a Street View, oltre ad aver la possibilità di inserirlo nel Vs sito ed ovunque lo desideriate nel web (Facebook, altri social media ecc).

Ricordiamolo sempre: REAL PHOTO FOR REAL PLACES , e non deluderemo mai i nostri clienti.

Piero Annoni photographer#PieroAnnoni è un fotografo professionista esperto nella realizzazione di servizi fotografici per l’industria alberghiera. Creativo, concreto e profondo conoscitore delle esigenze del vostro business, attento a non creare alcun disturbo alle normali attività, volto esclusivamente a realizzare servizi fotografici utili ad incrementare e valorizzare l’immagine della vostra azienda.

RICHIEDI INFO E PREVENTIVI!

Advertisements